Lainate – 0236541838 | Milano – 02437408 studio@muliari.com
L’ITS LAINATE CRESCE SEMPRE PIU’, URGE UNA NUOVA SEDE

L’ITS LAINATE CRESCE SEMPRE PIU’, URGE UNA NUOVA SEDE

Al giro di boa dell’anno 2022-2023 l’ITS Lainate guidato dal Professor Salvatore Luca registra una crescita sempre più forte, una crescita che rende ormai necessaria l’individuazione di una nuova sede, più ampia e più funzionale, per il prossimo anno.

Nell’ultimo numero di Persone, Ambiente & Territorio abbiamo analizzato le recenti “conquiste” dell’ITS ed il perché la nuova sede non sia più procrastinabile:

PERSONE, AMBIENTE & TERRITORIO

ONLINE IL NUOVO NUMERO DI PERSONE, AMBIENTE & TERRITORIO

ONLINE IL NUOVO NUMERO DI PERSONE, AMBIENTE & TERRITORIO

E’ online il numero di gennaio di Persone, Ambiente & Territorio, il nostro  ormai consueto appuntamento mensile di approfondimento. In questo primo numero del 2023, il 14esimo in assoluto ed il quarto del secondo anno di vita di Persone, Ambiente & Territorio, ci siamo concentrati in particolare su alcune importanti novità provenienti dal nostro territorio. Completano il numero l’approfondimento dedicato alla composizione negoziata della crisi ed il consueto spunto del mese, incentrato questa volta su un tema per noi particolarmente rilevante: il persistere, nella Pubblica Amministrazione, di un malcelato e diffuso sentimento anti-impresa, alla base anche dell’oppressione burocratica a cui sono sottoposte le aziende italiane.

Buona lettura!

PERSONE, AMBIENTE & TERRITORIO

NASCE IL PATTO PER LE COMPETENZE

NASCE IL PATTO PER LE COMPETENZE

In Italia i partenariati tra soggetti pubblici e privati stentano a decollare, anche perché persiste nella PA una ostilità verso il mondo produttivo. Cogliamo con piacere dunque la nascita in Lombardia del “Patto per le Competenze” promosso dalla Commissione Europea.

Il Patto intende favorire la crescita tecnologica e imprenditoriale verso filiere produttive integrate, capaci di promuovere l’aggregazione di imprese, la cooperazione intersettoriale, l’autosufficienza produttiva e l’evoluzione della ricca architettura lombarda della formazione tecnica e terziaria verso competenze avanzate trasversali. E la disponibilità di figure professionali allineate con le esigenze del mondo produttivo è un fattore attrattivo per gli investimenti. Per raggiungere questi obiettivi viene strutturato un nuovo approccio di sistema – tra istituzioni, imprese, sindacati, associazioni, enti pubblici e privati – per meglio affrontare le sfide sulle competenze.  

Ecco perché il Patto potrà rappresentare anche il contesto ideale, e l’impulso, alla creazione di quell’osservatorio economico del Nord Ovest Milano che lo Studio auspica fin dalla presentazione del rapporto “Conoscere per decidere” (https://muliari.com/conoscere-per-decidere-video-della-presentazione-in-mind/). Il Nord Ovest Milano, area sempre più vocata all’innovazione, con un tessuto produttivo esteso, variegato e interconnesso con il mondo, interessato da nuovi insediamenti di grande rilevanza strategica regionale e nazionale, è chiamato dunque ad integrare i propri sforzi mettendo sempre più a sistema l’azione di tutti e di ciascuno.

GLOBAL COMPETITIVINESS REPORT: L’ITALIA E’ COMPETITIVA, NONOSTANTE LA PA

GLOBAL COMPETITIVINESS REPORT: L’ITALIA E’ COMPETITIVA, NONOSTANTE LA PA

E’ cresciuta negli ultima tempi la consapevolezza della capacità delle imprese di creare valore non solo economico. Tuttavia,  continua ad essere radicato un sentimento antimpresa, per lo più fondato su stereotipi del passato. Nel rapporti con la PA in particolare, questa ostilità si rivela nell’eccesso di burocrazia che penalizza la competitività dell’intero Paese. In base ai dati del Global Competitiviness Report l‘Italia è un paese complessivamente competitivo, ma con un’inefficienza della PA penalizzante e con un peso della burocrazia tra i peggiori fra tutti i Paesi analizzati. Nonostante un ottimo posizionamento su diverse dimensioni chiave di analisi, dai risultati emerge come la complessità regolativa penalizzi il punteggio finale del Paese e faccia percepire la PA italiana non allineata alle esigenze di certezza, efficienza e rapidità delle imprese.  In questo periodo di elezioni è bene ricordare come tutte le regioni italiane, secondo un studio della Commissione Europea, risultino essere al di sotto della media europea per qualità e livello di efficienza della Pubblica Amministrazione. Secondo l’indagine periodica della Commissione Europea l’84% degli imprenditori italiani considera la complessità amministrativa un problema prioritario nell’attività quotidiana di impresa.    
IL FUTURO DELL’AREA EX ALFA: LE ULTIME NOVITA’

IL FUTURO DELL’AREA EX ALFA: LE ULTIME NOVITA’

Il 28 dicembre la Giunta Regionale ha approvato un importante documento che riguarda direttamente il nostro territorio: l’Atto Integrativo del Piano Integrato di Intervento dell’area che tutti conosciamo come “Ex Alfa Romeo”, che insiste sui Comuni di Arese, Garbagnate Milanese, Lainate e Rho. Si tratta di una serie di interventi assai rilevanti, che si inseriscono in un ecosistema, il Nord Ovest Milano, che produce impatti economici, sociali ed ambientali su tutta la Lombardia ed indirettamente quindi per tutta l’Italia.

Gli obiettivi di questo Atto Integrativo sono così definiti:

  1. Attivare un progetto unitario di riqualificazione urbana a completamento delle trasformazioni delle aree dismesse dell’ex insediamento industriale già realizzate, anche con l’introduzione di nuove funzioni strategiche a grande scala complementari a quelle presenti, finalizzate alla realizzazione di un polo dei servizi, ove le funzioni commerciali, terziarie ed educative fungano da fattore propulsivo per l’occupazione locale e la formazione artigianale;
  1. Promuovere, nell’ambito territoriale che ha ospitato i parcheggi temporanei di Expo 2015, lo sviluppo di funzioni dedicate ad attività di servizi di tipo produttivo, terziario avanzato e per la ricerca ed attività ricreativa di tipo sportivo e sociale;
  1. Creare un insediamento che completi il disegno urbano ed esprima caratteri ambientali di alto profilo qualitativo, attraverso la realizzazione di una nuova area verde e la valorizzazione e la messa a sistema degli interventi territoriali di connessione ecologica già realizzati per l’Expo (anello verde-azzurro di connessione del Canale Villoresi, del Torrente Lura e del Parco delle Groane);
  1. Ampliare il Centro Polifunzionale con un incremento della superficie lorda di pavimento della struttura commerciale (GSV) e l’insediamento di attività artigianali e di servizi in sinergia con il Centro Guida Sicura;
  1. Completare la riqualificazione e rinaturalizzazione del Torrente Lura a sud del Centro Guida Sicura, in sinergia con le attività turistico – museali (Museo storico dell’Alfa Romeo) e localizzare un insediamento commerciale di grande struttura di vendita ad integrazione del Centro Polifunzionale realizzato a nord;
  1. Realizzare interventi infrastrutturali di miglioramento della viabilità e potenziamento dei servizi del trasporto pubblico sul territorio per favorire l’accessibilità ai nodi di interscambio con le stazioni ferroviarie/metropolitane, definendo, in particolare, la fattibilità tecnico-economica di un nuovo collegamento tramviario tra la fermata metropolitana Fiera e la fermata ferroviaria di Garbagnate Milanese;
  1. Trasformazione urbanistica (con previsione di un sensibile recupero di aree verdi, attualmente antropizzate) in coerenza con i contenuti dell’area MIND (Milano Innovation District) nei Comuni di Milano e Rho.

Tutti gli Interventi, ad eccezione dello studio di fattibilità tecnico-economica del collegamento tramviario Garbagnate Milanese – Lainate – Arese Mind, che restano in capo a Città Metropolitana, saranno sostenuti dagli operatori privati proprietari dell’ex area industriale dismessa. Essi comprendono anche:

  1. Oneri di urbanizzazione a favore di Comuni di Arese, Garbagnate Milanese e Lainate complessivi per circa 27 milioni di euro;
  2. Opere infrastrutturali per la mobilità su gomma e ciclopedonale e per la realizzazione di Aree e Percorsi Verdi per circa 65 milioni di euro
  3. Regione Lombardia e Città Metropolitana sono inoltre impegnate alla ridefinizione del Trasporto Pubblico Locale (TPL) per adattarlo, con nuovi percorsi ed incremento delle frequenze, alle nuove esigenze dei Comuni coinvolti.

      Gli interventi previsti verranno dunque realizzati in 2 fasi: la prima entro il 2026, coincidente con le Olimpiadi Milano – Cortina, la seconda entro il 2033.

       

       LEGENDA:

      Numeri da 1 a 4:

      1 Insediamenti ricreativi e sportivi (Museo Alfa Romeo, Centro Sportivo Olimpico)

      2 Insediamenti ricreativi e sportivi (Centro Guida Sicura)

      3 Edificio Gardella (con vincolo architettonico della Sovraintendenza): funzioni sociali e per la formazione professionale

      4 Nuovi insediamenti: terziario, commerciale, artigianale, ricerca scientifica

       

      Tratti colorati:

      -Tratteggio colore rosso: metrotramvia (studio di fattibilità in corso) per collegamenti per Area MIND, Fiera Milano, Ospedale Galeazzi e metropolitana MM1

      -Tratteggio colore blu: viabilità su gomma e ciclo pedonale (in corso modifiche ed integrazioni) per collegamento con il nuovo svincolo SS 33 del Sempione, Via Ratti, Rho (zona Liceo Majorana)